Translate

martedì 15 luglio 2014

A Blue Jean Serenade

Ti guardo. Immobile e bellissima.  E osservo le tue curve e ti tocco. Sei morbida. Ricordo la prima volta che siamo stati insieme. Avevo circa 19 anni. Mio padre mi aveva dato il permesso di portarti fuori, ero ancora un giovincello con baffetti prepuberali alla zorro (oggi sarei definito hipster). Siamo partiti per il lago. Soli, noi due. In Blue Jeans entrambi. Ad ogni curva sobbalzavi e io con te. E ridevo a squarciagola perché finalmente eri mia. Spogliarti poi da quel tuo abito nero, è stata una sensazione meravigliosa. Odori, brezza, la gente ci fissava ogni volta che eravamo insieme.

E sono geloso e sei solo mia. 

Tutti gli amori hanno i loro alti e bassi. L’anno scorso hai fatto i capricci più e più volte. Dicevi che avevi bisogno di ricaricarti ma è stato solamente un problema passeggero. Sei tornata quella di un tempo, e quando siamo soli ruggisci ancora, oggi come ieri. E domani sono sicuro che mi farai sussultare, torneremo quelli di un tempo. Una coppia che non si poteva lasciare, perchè troppo belli insieme. Perchè indissolubilmente legati.

Questa mattina appena sveglio ti ho raggiunta, ed ero felice, sono trascorsi più di 10 anni da quando sei con me, da quando ti possiedo. Un possesso continuo, senza interruzioni

Lo volevo dire subito a mia sorella, ma non me la sono sentita, avrebbe pianto. 

Certamente non sarebbe stata felice di sapere che le ho usucapito la sua auto, ora mia, un maggiolone cabriolet blue del 1970.  




Nota: secondo l' art. 1162 co. 2 c.c. l'usucapione di mobili registrati, come le automobili, avviene mediante il possesso ininterrotto e continuo per 10 anni (quando non via sia titolo idoneo al trasferimento, ad esempio un contratto di compravendita). 

4 commenti:

  1. Non sono d'accordo: tu detenevi e detieni il maggiolono a titolo di comodato. Se non è intervenuto alcun mutamento idoneo a integrare un'ipotesi di interversione del possesso il maggiolone rimane di tua sorella (che se vuole farti causa sappia che con me può contare su prezzi di favore)

    RispondiElimina
  2. Ma io lo possedevo uti dominus. In ogni caso fammi un esempio di interversione del possesso.

    RispondiElimina
  3. secondo le mie reminiscenze universitarie, affinché vi sia usucapione del bene è necessario che il proprietario non manifesti mai tale sua qualità al possessore...
    (se mi sbaglio, mi corigerete... cit.)

    pare dunque verosimile che la tua cara sorella non ti abbia mai rammentato di essere lei la legittima proprietaria, neppure in qualche cena goliardica in riva al mare di senigallia?

    meditate gente, meditate...

    RispondiElimina
  4. Caro Luca, io ti capisco.

    RispondiElimina